Google+ Badge

mercoledì 19 marzo 2014

Import-Escort


Per rilanciare l’occupazione si sta progettando di licenziare un 85mila dipendenti pubblici, quasi tutti con coniuge e figli.


Mi sembra un buon inizio.

I soldi risparmiati diventeranno sussidi per imprenditori sensibili e magnanimi, che garantiranno la creazione di un 4/5mila nuovi posti di lavoro, ovviamente precari perché, a differenza del diamante, un lavoro non è per sempre, e a volte neppure per un anno.

A parte i fortunati che potranno accedere a tali nuovi impieghi (ma se si fa un semestre a testa, c’è lavoro per tutti) gli altri 80 mila hanno solo l’imbarazzo della scelta.
Liberi da pastoie e costretti fimalmente a camminare con le proprie gambe, alzeranno lo sguardo ammirando, senza fiato per l’emozione, la terra delle opportunità, per loro e per tutta la loro famiglia (coniuge, figli e genitori anziani).

Molti, senza più l’obbligo del cartellino, potranno dedicarsi full time a quelli che erano il loro secondo o terzo lavoro, talvolta fatto di redditizie consulenze.

Altri potranno liberare la propria creatività e trasformarsi in artisti od inventori di brevetti per la new technology o la green economy.

Un certo numero, trovandosi senza reddito fisso, potrebbe mettersi in gioco nel bingo o nel grattaevinci.

Qualcuno sfortunatamente diventerà, per propria debolezza, preda degli strozzini, ma altri più intraprendenti realizzeranno le proprie aspirazioni collocandosi ai gradini più bassi di organizzazioni criminali, fermamente decisi, ora che le loro ambizioni non sono più represse, ad arrampicarsi sino ai vertici.

I più indolenti andranno ad ingrossare le fila di mendicanti e senza tetto ai quali penserà la Caritas.

Un ampio ventaglio di scelte dunque per 85.000 ex fannulloni che se la faranno finita di pesare sulle spalle della collettività.

Un po’ come il marito che, per pagarsi le rate del SUV,  manda la moglie sul marciapiede.


.

Nessun commento:

Posta un commento