Google+ Badge

domenica 17 luglio 2016

Usi Tacendo Morir

Quello di oggi è il racconto di una tragica vicenda che ho tentato di ricostruire basandomi su notizie raccolte in rete, da fonti che in gran parte verranno al termine citate.


Sono passate da poco le 21.30 quando due militari si inoltrano a piedi nella campagna in contrada Scacciaiazzo.

È il 31 maggio 2016 e siamo in Sicilia, provincia di Trapani, nei pressi di Marsala.
Tra poco calerà l'oscurità completa ma i due carabinieri, nonostante siano in borghese e privi di qualunque appoggio, continuano ad addentrarsi tra campi e coltivazioni.

Sì sono in borghese, nonostante il superiore, il Maresciallo capo Silvio Mirarchi, sia il vice comandante della stazione CC di Ciavolo, frazione di Marsala, pochi chilometri da Scacciaiazzo e risulti quindi personaggio da tutti i locali ben riconoscibile.

Fra orti, serre e campi regolari, in questa incrocio di contrade alla periferia meridionale di Marsala vi sono anche svariate coltivazioni di Cannabis.
Un’attività da alcuni anni molto diffuso in zona, per una produzione di qualità pregiata ma di modeste quantità, tanto che la mafia non ha mai cercato di appropriarsene.
I sequestri operati dalle forze dell'ordine non vanno mai oltre le 20/30 piante, tanto che uno più consistente di alcune centinaia sollevò grande scalpore.

Invece, in quella sera che sta per diventare notte fonda, i due carabinieri solitari, non sappiamo se consapevolmente o meno, si trovano a pochi passi da una o due serre con addirittura 6/9000 piante, per un valore presunto di 5/6 milioni.

Non sono un esperto ma credo che per una piantagione così estesa siano necessarie diverse migliaia di metri quadrati, che stranamente fino a quel giorno sono passati inosservati.
Inoltre le piante richiedono cure e necessitano di macchinari e addetti, inclusi quelli posti di guardia all'esterno.
A differenza delle coltivazioni su scala domestica, è probabile che quelle industriali siano affidate a malviventi esperti e motivati.

Ed è probabile che a un certo punto l'appuntato e il Maresciallo si siano avvicinati troppo ed abbiano iniziato a sentire voci e rumori.
Quando questi si fanno troppo vicini, i militari si qualificano intimando "Alt, carabinieri!".

Abbiamo visto che la posta in gioco è alta, e che d'altro canto proprio questo lascia immaginare che gli incaricati alla sorveglianza siano uomini di esperienza e con i nervi sufficiente sufficientemente saldi.

Comunque sia, la reazione all'Alt è immediata e violentissima.
Una scarica di 7/8 colpi di pistola parte istantaneamente all’indirizzo dei militari.

Quando si fa nuovamente silenzio, Il bilancio è al contempo sanguinoso e sconcertante:
l’appuntato è miracolosamente illeso e il Maresciallo giace a terra, colpito gravemente da due pallottole che l’hanno raggiunto alla schiena.

Svaniti nel buio i malviventi, l’appuntato si adopera prontamente a soccorrere il superiore, il quale, non si sa in che modo né in che tempi, verrà ricoverato dapprima all’ospedale “Paolo Borsellino” di Marsala e da questo trasferito in eliambulanza a Palermo (in quale dei nosocomi non vi è certezza).
Purtroppo risultano inutili gli interventi chirurgici cui verrà sottoposto.
Il maresciallo cessa di respirare nel pomeriggio di mercoledì 1° giugno 2016, in conseguenza dei colpi che gli hanno trapassato un rene e l’aorta.

Messaggi di cordoglio e condoglianze dalle alte cariche dello Stato e, giusto in tempo, un commosso ricordo alla parata del 2 giugno ai Fori Imperiali.

Autopsia, strazio della vedova e dei due figli, camera ardente ed esequie sabato 4 giugno.

Immediata, la caccia all’uomo da parte dell’Arma.
Finalmente scoperte le coltivazioni da 6/9000 piante,  le indagini serrate convergono da subito su due personaggi del posto, proprietari-gestori delle serre di marijuana o del terreno su cui sorgono.

Si tratta del pregiudicato 64enne FD’A e del 45enne NG, incensurato.
Il primo viene sottoposto a custodia cautelare, nonostante gli indizi raccolti nell’immediatezza dell’omicidio indichino chiaramente in NG uno dei due uomini che hanno colpito il maresciallo Mirarchi uccidendolo.

E sì, uno dei due, perché anche se tuttora non si sa quanti fossero i componenti del gruppo di fuoco, di certo c’è che i colpi che hanno ucciso il Maresciallo Mirarchi sono partiti da due pistole diverse.

Dopo qualche settimana dall’imboscata, il 22 giugno, ci si decide ad arrestare anche NG, il quale ovviamente nega ogni responsabilità, aggiungendo un particolare, quello di essere stato in buoni rapporti col sottufficiale, che si serviva da lui per l’acquisto di piante ornamentali.

Alcune considerazioni conclusive.

Sappiamo che l’Arma dei Carabinieri predilige il riserbo e rifugge ogni pubblicità, ma è per me impossibile sottrarmi ai dubbi ed ai sospetti che emergono dagli aspetti oscuri e incomprensibili di questa tragica vicenda, la cui ricostruzione presenta lacune di ogni genere.

Le perplessità si rafforzano se teniamo conto che ogni anno restano uccisi in servizio, non più di 3/4 carabinieri, per fortuna, ma nonostante ciò tutte le notizie sull'assassinio del Maresciallo Mirarchi, caduto, a mia opinione, in un agguato, risultano fortemente oscurate sui media nazionali.


Restiamo in attesa di ulteriori sviluppi delle indagini.

link ad altri post con contenuto simile:
Antonio Santarelli - marito e padre
4 ragazzi e 2 carabinieri


FONTI DOCUMENTALI

Riepilogo dell'attività operativa dell'Arma nel 2013

Riepilogo dell'attività operativa dell'Arma nel 2012

Marsala, carabiniere ucciso durante operazione antidroga. Gli hanno sparato alla schiena

Marsala, l'omicidio Mirarchi. Arrestato il proprietario delle serre con la marijuana

Marsala, preso l'omicida del maresciallo Mirarchi: era pronto a fuggire

Marsala, omicidio Mirarchi: tutti i dettagli sull’arresto di Nicolò Girgenti – Ecco il Video

Omicidio Mirarchi. Girgenti: "Non sono stato io". La vedova del Maresciallo: "Si vergogni"

Carabiniere ucciso a Marsala, la vedova: «Siamo rimasti soli, l'uomo catturato si vergogni»

Il carabiniere ucciso e quei campi di cannabis: "Altissima qualità". E la mafia sta a guardare

Nessun commento:

Posta un commento