Google+ Badge

giovedì 30 dicembre 2010

Statistiche E Meriti

Allarme di Bankitalia: il 10%  delle famiglie italiane possiede la metà della ricchezza totale.
Il 90% degli italiani si contende dunque l'altra metà della torta.
Sei milioni di persone vivono con la stessa quantità di ricchezza complessiva di cui si devono contentare gli altri 54 milioni.
Ogni italiano "ricco" possiede 9 volte più degli altri ed è come se fossimo due nazioni diverse, con un confine trasversale segnato dal 730.

Infatti, se allarghiamo lo sguardo, scopriamo che il PIL pro capite in Italia è 9 volte maggiore di quello iraniano.

Nella ricca Italia la popolazione diminuisce al ritmo dell'1%, mentre in Iran aumenta ogni anno del 13%, anche se non dobbiamo pensare a bande di straccioni analfabeti, perché ogni famiglia è composta in media da meno di 4 persone, e la percentuale del PIL destinata all'istruzione è la stessa che da noi: il 5%.
Si sposano quasi 3 volte più che da noi e sono di costumi emancipati, dato che i loro divorzi sono più del doppio dei nostri.

Fin qui potremmo anche dire di aver giocato, ma per me al primo posto c'è la vita.
E leggendo che in Iran, una delle culle della civiltà, forse il mitico oriente dei Magi, la speranza di vita è di anni 71 per l'uomo e 74 per le donne, contro i 79 ed 85 in Italia, mi rivolgo una domanda:
cosa hanno fatto di male?
Quale colpa oscura nella loro storia li porta oggi a vivere il 10% in meno rispetto a noi.
E noi.
Per quale misterioso merito ci è stata assegnata una lunga vita?
E poi: siamo consapevoli di tale privilegio?

Allora restringo di nuovo lo sguardo, torno in Italia e mi chiedo: ma questo 10% che possiede la metà della ricchezza ne è consapevole?
E poi soprattutto: che cosa ha fatto per meritarselo?
Perché, se dei veri meriti ci fossero, in un caso e nell'altro, il destino dei perdenti potrebbe (forse) essere meno incomprensibile.

Buon anno a tutti.

malattie della crescita 
togliere ai poveri e lasciare ai ricchi 
messaggio planetario 
largo ai colonnelli?
la vita e niente altro
bisogni e meriti

Nessun commento:

Posta un commento