Google+ Badge

giovedì 12 maggio 2011

Alla Faccia Del Popolo Sovrano

E’ in corso una strumentale esaltazione della sovranità popolare.
Strumentale perché rivolta soprattutto a screditare il potere giudiziario ed ora insofferente anche verso le prerogative del Quirinale.
Si tratta di una eccessiva esaltazione del ruolo degli eletti, a sua volta finalizzata ad incensare la figura dell’eletto dagli eletti, e cioè il capo del Governo, creando uno squilibrio all’interno delle istituzioni.
La cosa più grave è il demagogico tentativo di giustificare il tutto sbandierando la volontà del popolo sovrano, che sembra invece perdere valore non appena depositata la scheda nell’urna.
E' chiaro che la nostra può essere solo una democrazia delegata, esercitata con la mediazione degli eletti.
Ma quando abbiamo plotoni di parlamentari che migrano da uno schieramento all’altro, come è possibile affermare che questi governano nel nome del popolo sovrano?
Con che diritto l’attuale Governo di centro destra si ritiene portavoce della volontà popolare quando sono entrati a farne parte, per meriti vari, persino parlamentari eletti nelle liste del PD come Riccardo Villari e Bruno Cesario oppure Aurelio Misiti (già IdV però transitato per MpA).
Va bene essere eletti senza vincolo di mandato, ma un po' di pudore non guasterebbe.
Anche perché chi li ha mandati in Parlamento non ha potuto esprimere preferenza per le loro persone specifiche, consapevole magari di affidarsi a politici predisposti a cambiar di casacca, ma votò proprio e solo il loro partito di appartenenza iniziale, che li aveva sconsideratamente inseriti in lista.
Quel partito non li convince più?
La loro coscienza è turbata dal teatrino della politica?
Lascino il seggio al primo dei non eletti.

magistrati in sciopero

Nessun commento:

Posta un commento