Google+ Badge

giovedì 17 febbraio 2011

67 Lune

Trascorse 67 lune a giugno come un unico immenso respiro; una folgorazione che saetta da neve-monti-scarponi e si allarga, dopo 5 anni, in un sentimento che supera ogni verosimile aspettativa.

Un solo batter di ciglia: si abbassa sui portici di una piazza e si riapre presso una piaggia a 60 chilometri, con la stessa trasparente incoscienza che l’aveva sorpreso mancante dietro le lenti di una reflex, quando da principio a tener compagnia all'attesa c'erano solo gelo-pioggia-ansia, e passato qualche mese all’ansia si aggiunse il sole.

Lo chiameremmo “il ragazzo” solo perché insegue sogni pazzi; Lei la chiamiamo “la ragazza” perché così è; lui non può più fare a meno di volerle bene, così semplicemente come si vuol bene alla vita “innnanzi tutto”.

Quella vita che lui crede d’inseguire, ma se si gira si accorge che è Lei a correre e non mollarlo.

Quella ragazza che lui insegue “nonostante tutto” o forse proprio “per tutto” quello che Lei gli rovescia addosso (o se guarda allo specchio, gli tira dietro).

Talvolta ad entrambi sembra mancare il fiato, ma è solo la pausa d’un soffio, ci si fiuta per lottare con più cuore e scaltrezza ancora.

L'esplosione del primo bacio, quando tutto sembrava immeritato anche se tutto scorreva naturale come un fruscio di rugiada.

E la coscienza che non è necessario esser sempre perdente, pur se il cuore s’incrina nei polmoni quando Lei ti dice fra le lacrime qualcosa di sé e chiede scusa.

Ora l'attesa si è fatta più piana e scorrevole, levigata ma non sbiadita dal calpestio degli anni.

E neppure è passato tanto tempo, perché quando consiglia di sedersi su un cactus è lo stesso momento che piega una barchetta di carta così piccola per quanto è luminoso il suo sguardo.

Quella barchetta che dietro al vetro a 160 lo accompagna ogni settimana sulla strada di una città lontana per riavvicinarsi a se stesso.

Quella barchetta che per tanti mesi con le sue preziose e tènere pieghe ha fermato il tempo facendone un’unica Luna.


col sudore della fronte
toy story 3...generazioni
mai dire ansia

Nessun commento:

Posta un commento